Identità territoriali: il dialetto, un patrimonio da tramandare. Il concorso Unpli a cui partecipano anche le scuole di Aiello Calabro




AIELLO CALABRO – I plessi scolastici della cittadina, facenti parte dell’Istituto comprensivo “Campora-Aiello”, diretto da Caterina Policicchio, parteciperanno al primo concorso di poesia e narrativa in dialetto calabrese dal titolo "Identità territoriali: il dialetto, un patrimonio da tramandare", indetto dall'Unpli Calabria e patrocinato dalla Regione in collaborazione con l'ufficio scolastico regionale. 
“Attraverso questo concorso – è scritto nel bando -, l’Unpli calabrese vuole favorire una più ampia conoscenza e fruizione degli idiomi riscoprendo le radici culturali e proporle fuori dal territorio affinché, intrecciandosi tra loro, costituiscano una rete forte e popolare. Il dialetto costituisce la “specificità immateriale” di un’etnia, la sua perdita porta verso l’omologazione culturale, il recupero è un atto di salvataggio. Con questo scopo, si raccoglieranno le voci che giungono dal basso, da una cultura popolare e non cattedratica, le voci che vivono ancora di storia, tradizioni, paesi, natura e che riconoscono, nella lingua locale, un vincolo di appartenenza”. 
Le scuole di Aiello, particolarmente interessate a questo concorso, proposto dalla Proloco di Aiello presieduta da Marco Cino, presenteranno poesie e racconti brevi e saranno coadiuvati, soprattutto per la parte linguistica, da Gisa Guidoccio, quest’ultima autrice, peraltro, di una recente pubblicazione sul dialetto, “L’Italiano dice, il dialetto spiega”, una raccolta di proverbi e modi di dire dialettali, alcuni in uso un po' in tutto il meridione, altri specifici di Aiello, che ha lo scopo, riferisce l’autrice, “di evitare che verba volant, una sorta di promemoria di ciò che eravamo"​. Con lo stesso spirito, in un’epoca in cui i bambini usano prevalentemente l’italiano, pare dunque necessario intervenire affinché “i dialetti come le tradizioni non vengano accantonate”. 
Il termine per la partecipazione è fissato al 10 marzo prossimo. I primi classificati delle cinque province della Regione Calabria, saranno premiati – nel mese di aprile - con pregevoli opere realizzate dal Maestro orafo Michele Affidato.
RASSEGNA STAMPA

Commenti