Le ricette delle zie. Un libro di cultura gastronomica aiellese

La copertina del volume di ricette,
con palazzo "Cybo"
Tra i diversi libri di autori Aiellesi, di ieri e di oggi, ci piace annoverare la recentissima pubblicazione di Giulietta Civitelli. Si tratta di un volumetto che raccoglie, per la maggior parte, “Le ricette delle zie” Viola, un piccolo e prezioso spaccato di cultura culinaria aiellese. C’è un po’ di tutto: dai cullurielli, alle frittate, alla sagna, dalle minestre di surache e siecula, alle patate ‘mpacchiuse, allu zambatoriu; e poi dolci, liquori, conserve e marmellate varie. Non manca nemmeno, anche se a prima vista ci era sfuggito, la “sauza”, uno dei piatti più caratteristici del nostro paese, che però viene riportato come “zucchine a scapece”; in ogni modo, la preparazione rimane quella che ogni brava cuoca aiellese conosce.
Insomma, un libro utile e interessante, sebbene sia stato stampato in un numero di copie limitato.
In attesa di mettere a cuocere qualcuno dei consigli del ricettario, vi proponiamo la nota introduttiva dell’autrice.
Questo libretto – scrive Giulietta Civitelli - nasce dal desiderio di recuperare le antiche ricette di zia Titina, zia Valeria e zia Elena, per conservare e tramandare ai posteri questo piccolo tesoro culinario. Le zie, infatti, avevano trascritto le ricette di famiglia su certi quadernini, che con il tempo si erano spaginati per le frequenti consultazioni e che rischiavano di andare perduti.
Per fortuna Anna Vittoria aveva provveduto a fotocopiare il prezioso ricettario, salvando così il patrimonio gastronomico dei Viola non solo dall’usura del tempo. Infatti quei libretti sono misteriosamente spariti e di loro non vi è più traccia. Mentre procedevo nel mio lavoro di ricerca, ho pensato di raccogliere e di ordinare tutto quel materiale, creando un manualetto di cucina, in cui le nostre nipoti e gli amici buongustai potessero trovare le ricette di tutti quei piatti che abitualmente si preparano a casa nostra. Così, accanto alle antiche ricette delle zie, ho incluso qualche altra ricetta di mamma e quelle di provenienza Civitelli, che negli anni abbiamo imparato ad eseguire, osservando zia Pia mentre si affaccendava ai fornelli e assaggiando e commentando i manicaretti di Tita. Infine, ho deciso di includere alcune ricette classiche, che non appartengono alla tradizione di famiglia in senso stretto e che ho ricostruito con l’aiuto di parenti e amici dalla comprovata abilità culinaria, che ringrazio per la loro collaborazione. Ho voluto inoltre rispettare fedelmente l’impostazione del ricettario originario ed ho riportato accanto a gran parte delle ricette il nome delle persone da cui provengono. Come si fa nelle pubblicazioni di una certa importanza, ringrazio Anna Vittoria, che mi ha aiutato nella revisione dei contenuti, Assunta Mollo, che ha realizzato il disegno del palazzo Cybo e Lida Barazzutti che ha disegnato le pagine introduttive alle varie sezioni che compongono questo libretto”.

P.s. Sullo stesso filone, tanto per spoilerare un po’, vi segnaliamo che prossimamente sarà dato alle stampe un altro libro di ricette a cura di Giulio di Malta e Gisa Guidoccio.


NOTA BENE
Si fa presente che al momento le copie del volume sono esaurite. L'autrice fa sapere che in caso di un buon numero di richieste, sarà valutata la possibilità di una ristampa. Per info e prenotazioni si può fare riferimento alla seguente email: ==> ricettedellezie@gmail.com


Commenti

  1. https://aiellesinelmondo.blogspot.it/2018/01/i-nginetti-dolci-tipici-calabresi-la.html

    RispondiElimina
  2. https://aiellesinelmondo.blogspot.it/2018/01/i-nginetti-dolci-tipici-calabresi-la.html

    RispondiElimina
  3. https://youtu.be/cuvUuom8UAw

    RispondiElimina

Posta un commento

Salve. Grazie per il commento.
Il curatore del Blog fa presente che non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori. I commenti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o contenenti dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy, verranno cancellati.