Aiello. Piange (?) la statua dell'Addolorata


AIELLO CALABRO – La statua dell'Addolorata, nella navata sinistra di S. Maria Maggiore sembra piangere. Il fatto si verifica intorno alle 12.30 di ieri, quando alcuni fedeli scorgono delle lacrime sul volto della Madonna, e subito allertano il parroco don Jean Paul Mavungu. Il sacerdote, naturalmente, cerca di mettersi in contatto con la Curia; e chiama i Carabinieri della locale Caserma che prendono visione della situazione.
Come si può immaginare, la notizia fa subito il giro della comunità, squillano i telefoni, e in tanti, tra fedeli e curiosi, si precipitano nel luogo di culto, nonostante in quel momento cominciasse a imperversare un forte temporale di grandine che imbianca in pieno agosto le strade del paesino. Per tutto il pomeriggio, la chiesa è meta di visitatori. E come succede in questi casi, c'è chi grida al miracolo, e chi invece manifesta scetticismo. Per ora, è meglio essere prudenti. Anche il parroco don Mavungu, durante la messa prefestiva del pomeriggio, concelebrata con don Leonardo Bennardo, ha detto in modo chiaro che non si può dire se sia vero o non vero. Sarà il tempo a chiarire tutto.

La statua, dello scultore Giacomo Vincenzo Mussner di Ortisei, dovrebbe essere dei primi anni '50, che ha sostituito una più antica Addolorata vestita, attualmente conservata nella vecchia sacrestia.

Commenti

  1. C'è qualche aggiornamento ? La Curia ha inviato qualche suo esperto ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuna novità a conoscenza della redazione del blog. C'è da dire, però, con tutto il rispetto per chi crede alla lacrimazione, che gli occhi della statua sono stati sempre così. O almeno, noi non abbiamo scorto nessuna differenza...

      Elimina

Posta un commento

Salve. Grazie per il commento.
Il curatore del Blog fa presente che non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori. I commenti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o contenenti dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy, verranno cancellati.