AMANTEA, NUOVO ATTO INTIMIDATORIO AI DANNI QUESTA VOLTA DI SERGIO TEMPO


Dopo il sindaco Monica Sabatino, il vice sindaco Giovanni Battista Morelli ed il consigliere Franco Chilelli, anche l’assessore al bilancio e lavori pubblici Sergio Tempo è stato destinatario della stessa intimidazione: una busta contenente due proiettili, presumibilmente anch’essi calibro 9, è stata rinvenuta intorno alle ore 13 nella cassetta delle lettere situata davanti l’ingresso dell’abitazione dello stesso Tempo in via Tevere ad Amantea.
È stata la moglie dell’esponente politico di maggioranza a recuperare l’involucro ed ad avvisare il marito che, prontamente, si è rivolto ai Carabinieri della locale stazione, guidati dal comandante Massimiliano Diamanti e coordinati dal tenente Antonio Villano della Compagnia di Paola. I militari dell’Arma, come già fatto nelle scorse occasioni, hanno trattenuto la busta con il relativo contenuto per inviarlo alla scientifica, sperando che possano essere rinvenute tracce utili alle indagini. Contemporaneamente è stato avvisato della questione anche il procuratore capo di Paola Bruno Giordano che conduce l’intera attività investigativa. L’assessore, oltre a fornire la massima collaborazione alle forze dell’ordine ed alla magistratura, ha cercato di ricostruire i movimenti degli ultimi giorni per capire con esattezza il momento in cui la missiva è stata consegnata.
Gli inquirenti passeranno al vaglio tutte le ipotesi possibili, ma a questo punto, data la ripetitività dell’azione, la tesi più accreditata sembra essere quella di un disegno criminoso che vorrebbe destabilizzare, attraverso il terrore e la paura, l’attuale assetto amministrativo.
Oltre alla magistratura che farà il suo corso, anche dalla Prefettura giungono segnali incoraggianti, tanto che nella giornata di mercoledì 5 novembre si terrà un vertice per discutere della questione “Amantea” e della recrudescenza criminale che sembra nuovamente avvolgere la città.
Anche il governo nazionale è pronto a fare la sua parte. Questa mattina, infatti, il ministro per gli affari regionali Maria Carmela Lanzetta si è messa in contatto con il sindaco Monica Sabatino, non solo per manifestarle la solidarietà e la vicinanza dello Stato, ma anche per garantire la sua presenza in città. Sulla base di tale disponibilità il primo cittadino ha invitato il ministro al consiglio comunale straordinario che si terrà sabato 8 novembre alle ore 10.30. L’amministrazione comunale intende proseguire nel suo compito, senza piegarsi ad un agire malavitoso, come voce e presidio delle persone perbene e della gente onesta.

Commenti