Aiello, disguidi nella consegna della corrispondenza. Incontro tra Comune e Poste Italiane

AIELLO CALABRO – Le recenti disfunzioni e i ritardi nella consegna della corrispondenza nel territorio comunale, di cui avevamo puntualmente riferito, sono state oggetto di un incontro tenutosi in Municipio tra i rappresentanti regionali del settore Recapito di Poste Italiane, e i rappresentanti del Comune di Aiello.
Per Poste Italiane erano presenti la responsabile del Servizio Qualità, Maria Rosa D’Amico, il responsabile dei processi operativi, Bruno Zito, il responsabile del centro di distribuzione della corrispondenza di Amantea, Giuseppe Lucente, e Lucia Federico della Comunicazione Territoriale Calabria.
Nel corso della riunione, Luca Lepore, capogruppo in consiglio comunale, affiancato dal consigliere Luca Zagordo e dal responsabile degli Affari generali del Comune, Benedetto Aloisio, ha ribadito l’esigenza dei cittadini, in particolar modo di quelli residenti nelle frazioni di Buda e Stragolera, che hanno sofferto di maggiori disservizi, di poter usufruire di un regolare servizio di recapito.
Dal canto loro, i rappresentanti di Poste Italiane hanno garantito che «l’attività di recapito, già costantemente monitorata dalla struttura preposta, sarà ulteriormente sottoposta a verifiche più approfondite», e che «saranno avviati gli interventi necessari per riportare il servizio alla normalità nel più breve tempo possibile».

«Una corretta distribuzione della posta – ha tuttavia evidenziato Maria Rosa D’amico, responsabile del servizio Qualità - dipende anche da una serie di fattori esterni, quali un’adeguata toponomastica, un corretto indirizzo (via e numero civico) e la presenza all’esterno delle abitazioni di cassette postali accessibili ai portalettere, sulle quali devono essere indicati i potenziali destinatari della corrispondenza che vi sono domiciliati». Su questo ultimo punto, Poste Italiane è disponibile a installare, gratuitamente, “cassette di impostazione modulari” presso punti baricentrici del territorio alle quali potranno accedere esclusivamente gli assegnatari.

Commenti