Serra, restaurata la Madonna Addolorata

SERRA D’AIELLO – Restaurata la pregevole statua lignea della “Pietà”, meglio conosciuta come Madonna Addolorata (o dei Grilli) che si venera a Serra D’Aiello (Cs).
L’intervento conservativo-estetico della scultura lignea policroma, custodita nella chiesa dell’Immacolata Concezione della cittadina, appena eseguito, è stato possibile, come ci è stato riferito, «grazie all'impegno non solo dell'Associazione Culturale "Progetto Vignali", promotrice di tale iniziativa in virtù di un accordo preso con la nostra Parrocchia San Martino Vescovo in data 12 marzo 2013, ma anche grazie alla collaborazione di alcuni ragazzi e ragazze del paese, e di tutto il Popolo di Serra molto legato al culto mariano».
Il culto per la Madonna Addolorata o dei Grilli, che si festeggia il 10 e l’11 di maggio di ogni anno, risale al 1785. Secondo la tradizione, in quel tempo, le campagne della Serra e della Marina, l’odierna Campora S. Giovanni, furono invase da cavallette che stavano per  danneggiare seriamente il raccolto di tanta gente. Il popolo allora – tramandano i racconti popolari - ricorse alla Madonna che fu portata in processione per le campagne insieme a San Martino Vescovo, protettore della cittadina. Al passare della Santa Vergine le cavallette perirono e quell’anno il raccolto del grano fu abbondantissimo. E così, dall’anno successivo, ovvero dal 1786, ogni 10 e 11 maggio si ricorda il miracolo ricevuto.
A questa bella iniziativa di impegno civico verso il patrimonio culturale, ci auguriamo possa seguire anche, per esempio, il restauro della pala d’altare “Nostra Signora della Concezione”, custodita anch’essa nella chiesetta dell’Addolorata. L’opera è un pezzo pregiato, che mostra preoccupanti segni di deterioramento, ed è attribuita ad un pittore della scuola di Luca Giordano, forse Giuseppe Simonelli (1650-1710).


Commenti