Esiste la Democrazia ad Aiello?

E. Delacroix, La Libertà che guida il popolo (1830), Museo del Louvre

Intervento di Ernesto Cicero
Presidente del Movimento “Alleanza di progresso per Aiello”

A seguito delle ultime vicende politiche che hanno visto, ancora una volta, decisioni a dir poco provocatorie e, oserei dire anche tragicomiche, da parte del sempre "originale " ed autarchico sindaco, leggendo alcuni commenti su noti blog, ho notato che tra i tanti interrogativi che la gente si pone risulta più evidente quello inerente l'esistenza della democrazia ad Aiello. Personalmente e senza dubbio sono fermamente convinto che non solo esiste ma che neanche le continue "stravaganze" dell'attuale sindaco  possano minarne l'esistenza. Ovviamente mi riferisco a quella democrazia politica sancita dalla nostra Costituzione valida ancora ed anche ad Aiello. Questa mia considerazione e convinzione è data dal fatto che ognuno di noi cittadino, sempre che lo voglia, è ancora libero di agire e pensare secondo i criteri e le regole di ciò che si intende per vera democrazia. Per cui non c'è da preoccuparsi. C'è invece da preoccuparsi, e direi tanto, per lo stato di "precaria salute" in cui versa ormai da tempo il nostro paese che ha avuto in passato, e neanche troppo lontano, persone impegnate in politica e che hanno sempre argomentato gli avvenimenti del paese in modo pubblico. Questo è ciò che rammarica unitamente al "silenzio assenso" di  alcuni Consiglieri di maggioranza nei confronti dei quali, molti Aiellesi avevano riposto speranza di cambiamento non fosse altro per le doti morali e culturali che gli erano proprie. Che delusione!! Il "resto del comando" era cosa nota e quindi nessuna meraviglia. Per quanto, invece, la democrazia, ci vuole ben altro che quattro urla o a volte il pugno sul tavolo per fare pensare che non esista più. La democrazia è un tutt'uno con le persone serie, sagge e rispettose. Quello che, invece, è il contrario si chiama arroganza!

Commenti