Lago, questione “pozzi neri”. Il PD chiede un consiglio aperto per informare i cittadini


LAGO – Il PD della cittadina non solo concorda sulla posizione del consigliere Muto sulla questione dello smaltimento dei  reflui dei “pozzi neri”, ma chiede al sindaco e alla Amministrazione comunale tutta «di essere più incisivi sulla questione, magari indicendo un consiglio aperto per informare dettagliatamente la cittadinanza interessata».
Come già riportato su queste colonne, un po’ in tutto il comprensorio dove il problema è comune, c’è preoccupazione e incertezza sul da farsi.
A partire dal 2004 – viene sottolineato nella nota del PD locale – abbiamo pagato le bollette inviate dal comune, che comprendevano i canoni della depurazione. Come prescrive però una sentenza della Corte costituzionale, non erano dovuti per coloro i quali non usufruivano del servizio. «A tal proposito – si legge nel documento - domandiamo al sindaco dove sono finiti i soldi del canone che i cittadini di Lago hanno versato. Ricordiamo che questo contributo versato è finalizzato per la costruzione di reti fognarie  e non per  affrontare altre spese».
La richiesta che il documento del PD indirizza sia alla maggioranza che all’opposizione in seno al Consiglio Comunale di Lago è che subito si «affronti il problema della depurazione dove non esiste una rete fognaria, come in diverse campagne del comune».
Una situazione seria, che interessa molti cittadini di Lago, e che comporta spese importanti, tanto per la realizzazione degli impianti a norma di legge, che per la successiva gestione dello smaltimento dei reflui.

Commenti