"Quest’edificio nuovo sia di spinta". Una poesia di F. Pedatella per il nuovo Polo scolastico di Amantea

di Franco Pedatella
Avendo intenzione di andare a far visita ai miei alunni ed ai miei colleghi nella nuova sede della mia scuola (inaugurato il 16 febbraio scorso, ndb), ho pensato di dedicare loro per l’occasione questi versi. Sono stati scritti in parte a Cleto, in parte nella Sala ticket dell’Ospedale Civile dell’Annunziata di Cosenza, in parte nella Sala d’attesa del Reparto di Dermatologia dell’Ospedale Mariano Santo di Mendicino, perché in questo giorno mi sono spostato nelle suddette località.
Questi versi da una parte vogliono essere un augurio per il futuro, dall’altra vogliono ribadire un concetto ed una certezza da me acquisita da tempo e più volte affermata. Quanto al concetto, lo affermano la legge istitutiva e l’Ordinamento Scolastico del Liceo Scientifico.

Quest’edificio nuovo sia di spinta
a quel che per apprender o insegnare
v’entra e antica lena non allenta,
ché sa che quinci esce quel che andare

deve lungo la via della sapienza
che scienza associa a litterae humanae
e pel progresso crea la dirigenza
adatta per nozioni e doti umane.

La scienza sola può creare infatti
mostri soltanto di tecnologia,
che all’uomo danno mezzi poco adatti

al suo progresso vero in armonia
con l’universo umano e di natura.
Lettere e scienza invece dan cultura

che serve per l’umana civiltà,
sbarrando il passo a tecnocrazia.
Così al sevizio della libertà
tiene il sapere la democrazia.

Cosenza, 26 settembre 2011

Commenti

  1. Da cotanto senno io son colpito
    si' che avanzo e nessun mi vieta
    pubblicizzar le rime dell'amico poeta.

    Il Puma

    RispondiElimina

Posta un commento

Salve. Grazie per il commento.
Il curatore del Blog fa presente che non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori. I commenti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o contenenti dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy, verranno cancellati.