"Sciopero dei sindaci". Iacucci (Aiello Calabro, Cs) ai cittadini: "I tagli ai comuni sono tagli ai tuoi diritti"

FONTE ANCI
AIELLO CALABRO - “I tagli ai Comuni sono tagli ai tuoi diritti”. Cosi' si intitola la lettera aperta scritta dal sindaco di Aiello Calabro, Franco Iacucci, ai suoi concittadini in occasione dell'adesione allo sciopero indetto dall'Anci per giovedi' contro i tagli del governo con la manovra finanziaria. Iacucci ha inviato anche una lettera al prefetto di Cosenza Raffaele Cannizzaro. “E' una decisione drammatica - afferma il primo cittadino – che conferma lo stato di profondo disagio che oggi i sindaci e gli amministratori locali di ogni colore politico stanno vivendo. L'autonomia dei nostri Comuni e' stata sostanzialmente cancellata da norme che indicano anche l'ora di convocazione dei consigli e delle giunte. I piccoli Comuni sono stati mortificati e ridotti a enti virtuali”. Ogni anno, prosegue il sindaco di Aiello Calabro, i Comuni “hanno portato alle casse dello Stato un totale di oltre tre milioni di euro. Lo Stato continua a sprecare e noi siamo costretti ad aumentare le tasse e a non erogare i servizi. La nostra protesta, dunque - precisa - non e' la protesta di una casta, ma di chi lavora seriamente per rendere i nostri Comuni ed il nostro Paese sempre piu' competitivi e vivibili”.

Commenti