Aiello. AdP rilancia l'azione di opposizione

AIELLO CALABRO – Alleanza di Progresso rilancia la propria attività politica. L’ultima riunione di qualche giorno fa, a cui hanno partecipato i responsabili del movimento, i consiglieri comunali Bruni, Naccarato e Bossio, e altri sostenitori, aveva come scopo quello di «affrontare strategie diverse per una più efficace ed incisiva opposizione nei confronti di questa sempre più chiusa ed antidemocratica Giunta Comunale». Una giunta, secondo quanto si legge in una nota di AdP, «che nonostante i continui proclami di alta democrazia - parola cara, ovviamente quando conviene, al sig. Sindaco - continua ad ignorare, e certamente non per ignoranza che riguarda la materia, quali siano veramente i doveri di una Giunta».

«Non è più assolutamente possibile continuare a credere alle solite promesse e garanzie che di volta in volta rilascia il Primo Cittadino quando viene investito di alcune problematiche». Così scrivono gli esponenti del gruppo che si oppone alla maggioranza guidata dal sindaco Iacucci. Il riferimento è a tutte le richieste di chiarimento (interrogazioni per lo più a risposta scritta) da parte di AdP rimaste ancora in sospeso. «I Cittadini di Aiello – rimarcano -, se per alcuni ancora non è del tutto chiaro, hanno il diritto, quali titolari della Sede Municipale, di essere tempestivamente e pubblicamente informati di ciò che avviene nel loro Paese». Poi la chiusa del documento. «Governare Aiello non può e non potrà essere un semplice svago politico né tanto meno un intermezzo agostano. Chi vorrà e meriterà di farlo, poiché i tempi stanno cambiando, lo dovrà fare con trasparenza, rispetto delle regole e senso di vera democrazia. A noi, principalmente, e a tutti quelli che credono in queste regole spetta il dovere di farle concretizzare. Siamo certi, in conclusione, che Aiello ospita tantissime persone capaci e con alto senso democratico ma principalmente libere di pensiero. Di questo ha bisogno il Paese di queste il nostro Gruppo sarà onorato di avere tra le sue fila».

Commenti