Aiello Calabro, tappa del Peperoncino Jazz Festival, con Irio e Robertinho de Paula

Nota del Comune di Aiello Calabro
E’ ufficiale: anche quest’anno il comune di Aiello Calabro entra a far parte del circuito del Peperoncino Jazz Festival, l’evento che giunge alla sua decima edizione caratterizzato da grande musica, gastronomia e cultura, annoverato tra i festival jazz più rinomati d’Italia. Trenta paesi coinvolti, della provincia di Cosenza e non solo, ospiteranno in un arco che va dall’8 luglio all’8 settembre artisti della portata di Danilo Rea, Stefano Bollani, Francesco Bearzatti e tanti altri. Il 17 agosto, nella caratteristica e storica piazza del Popolo del borgo aiellese, culla perfetta per un genere di musica ammaliante e coinvolgente al tempo stesso quale il jazz, le chitarre di Irio e Robertinho de Paula regaleranno uno spettacolo (ingresso libero) dal sound brasiliano.
“Il più affascinante dei chitarristi brasiliani”: così Irio viene definito dai maggiori critici musicali del panorama artistico internazionale; la sua carriera denota collaborazioni con Elza Soares, Baden Powell, Steve Grossman, Fabrizio Bosso. “Essere nella ‘carovana’ del peperoncino jazz festival – si legge in una nota dell’amministrazione comunale - è per il paese di Aiello Calabro grande occasione di far parte di un circuito che, oltre che essere coinvolto in maniera qualitativamente alta dal punto di vista musicale, permette alto grado di visibilità a livello di promozione territoriale”. “Il progetto dell’associazione Picanto, per il secondo anno consecutivo ben accolto da noi, riassume la commistione tra valorizzazione del borgo attraverso un genere che rientra forse in una cerchia di appassionati settoriali, ma che proprio grazie alla valorizzazione di uno scorcio, di un angolo, di una nicchia di paese, riesce ad estendere i propri perimetri affascinando chiunque si trovi ad essere spettatore. Inoltre, l’esaltazione sensoriale del gusto, grazie a degustazioni enogastronomiche che ben si sposano con il fascino dello spettacolo, rendono unica una sera d’estate sublimandola, quindi, oltre le note di un sound sempre affascinante”. “Noi, in particolare, auspichiamo in un’interazione forte tra tutti i paesi aderenti al progetto PJF, di modo che possano crearsi situazioni di scambi, quindi nuove conoscenze di luoghi e territori vicini, affinché il legame in Calabria, a partire dalla musica, possa considerarsi forte, saldo, nella scoperta di quelli che poi sono i veri tesori della nostra terra. L’evento di Gimigliano e Panebianco riassume proprio questi propositi e, facendolo sotto il simbolo del peperoncino, vuole così darne una connotazione all’insegna della tradizione e della sua esportazione.”

Commenti