Referendum. La lettera-appello di AdP per 4 Sì: “in molti, però, cavalcano l'onda dell'entusiasmo e si ergono a paladini per l'affermazione del Sì dimenticandosi di essere stati “inventori” della privatizzazione”

Dal Movimento di Alleanza di Progresso per Aiello, in riferimento alle imminenti consultazioni referendarie, ed in particolare alla intensa campagna informativa di questo ultimo periodo,  riceviamo e pubblichiamo la seguente nota.

Carissimi Cittadini di Aiello,
fra qualche giorno, unitamente ai tantissimi milioni di Italiani, saremo chiamati alle urne per votare delle importantissime proposte referendarie che riguardano, come ormai tutti sappiamo, l'acqua; il nucleare ed il legittimo impedimento. Tutti quesiti importanti e di grande civiltà. Di questi, sicuramente a noi di Aiello, specialmente quelli che riguardano la cancellazione della privatizzazione dell'acqua ci riguardano da vicino.
Da qualche giorno a questa parte, e subito dopo la netta affermazione su scala nazionale di alcuni partiti politici appartenenti all'area del centro-sinistra, molti rappresentanti ed opportunisti di questi schieramenti stanno "cavalcando" l'onda dell'entusiasmo e si ergono a paladini ed oggi anche a" promotori" per l'affermazione del SI dimenticandosi, senza un filo di pudore, di essere stati a suo tempo gli "INVENTORI" della privatizzazione.

Aiello, forse uno dei pochi paesi in Italia, ha avuto il "privilegio" di regalare l'acqua ai privati per ben 30 anni (evidentemente, AdP si riferisce alla concessione ad una S.p.a., nel giugno del 1990, del servizio idrico della cittadina, da parte dell’Amministrazione dell'epoca, guidata allora, come oggi, dal sindaco Iacucci). Oggi, per quella famosa "onda nuova" si lanciano in appelli a favore del SI, che, per loro è solo un significato di becera - politica.
Ben vengano, comunque, al sostegno di una giusta causa tutte queste" ravvedute" persone senza però dimenticare che i veri protagonisti, che da anni si battono sulle piazze e senza contropartite politiche, sono tutte quelle persone che hanno rappresentato i COMITATI REFERENDARI sempre ed in tempi non "sospetti".
Andiamo, dunque, ed in grande numero a sostenere questi giusti SI, specialmente, per quanto ci riguarda, quelli sull'acqua, che abbiamo (ed ancora abbiamo) dovuto "bere amara" per 30 anni.
Ringraziando, pertanto, solo ed esclusivamente chi ha creduto in questa giusta scommessa e augurandoci un successo di "popolo" porgo un cordiale saluto a tutti.
Ernesto Cicero
Presidente  Direttivo
Alleanza di Progresso per Aiello

Commenti

  1. ha fatto bene cicero a ricordare la realtà dei fatti. ai cittadini smemorati vorrei dire di togliersi le fette di soppressata dagli occhi e cominciare a pensare con la propria testa e agire di conseguenza.

    RispondiElimina

Posta un commento

Salve. Grazie per il commento.
Il curatore del Blog fa presente che non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori. I commenti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o contenenti dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy, verranno cancellati.