Il Sì ai Referendum. La soddisfazione de La Piazza di Cleto

CLETO – Anche il piccolo paesino del tirreno cosentino si è distinto per una buona percentuale di votanti, quasi il 54%. Evidentemente sono servite anche le tante iniziative organizzate in loco per la sensibilizzazione verso i quesiti referendari.
Soddisfatti per il risultato, soprattutto i sodali del laboratorio socio culturale “La Piazza”, che a Cleto ha animato la campagna referendaria.
«Finalmente – è il commento di Gianluca Provenzano, presidente dell’associazione - la gente ha capito l'importanza del referendum, grande strumento di democrazia diretta e si è battuta, votando Sì, a favore dei propri interessi e dei propri figli, nonché a favore di tutte le generazioni future. Questa è la risposta degli italiani che pensano con la propria testa. Dopo diversi mesi in cui i mezzi di comunicazione hanno cercato in tutti i modi di mettere i bastoni tra le ruote al movimento referendario questa è la vittoria più bella».

«Noi come associazione – ha riferito Provenzano - siamo da sempre vicini a certi temi che riguardano il bene comune e la sfera del sociale ed è da un anno che ci battiamo per questo referendum, attraverso una vasta campagna di sensibilizzazione portata avanti nel tempo con ogni mezzo dai banchetti pubblici per la raccolta delle firme, all’affissione di manifesti, al volantinaggio, ai messaggi sui social network, e siamo molto felici che il nostro piccolo paese abbia dato una grande mano al raggiungimento del quorum nazionale».
«Colgo l'occasione per ringraziare ad uno ad uno – ha aggiunto - tutti i componenti dell'associazione, in primis Franco Roppo Valente e Ivan Arella, che forse più di tutti si sono spesi per questa battaglia, poi Carola Nicastro, Vincenzo Lepore, Rosanna Santoro e Renato Guzzo che come al solito hanno contribuito alla grande al lavoro di squadra. E un doveroso ringraziamento va anche al comitato Civico Natale De Grazia e a Legambiente che ci hanno fornito parecchio materiale utile alla divulgazione del messaggio».


Ministero dell'Interno - I dati di Cleto

Commenti