Aiello Calabro. Per i Giovani Udc della cittadina: "Territorio denuclearizzato, ma politica ambientale fallimentare".

Dai Giovani Udc di Aiello Calabro riceviamo e pubblichiamo
AIELLO CALABRO – Nel corso dell’ultima assise comunale il territorio del comune di Aiello Calabro è stato dichiarato denuclearizzato. Un’iniziativa lodevole anche se dal significato esclusivamente simbolico. Il discorso del nucleare è un discorso ancora dubbio e aleatorio. Già il Presidente della Regione Scopelliti ha dichiarato l’impossibilità di realizzare impianti nucleari nella nostra Regione considerato anche il rischio sismico cui è esposta. Tuttavia fa effetto sentire il primo cittadino di Aiello Calabro parlare di paese pulito, quando il nostro territorio purtroppo è costellato di discariche abusive. Due volte la guardia di finanza di Amantea è intervenuta per porre sotto sequestro due discariche abusive. Emblematico poi è il fatto che il nostro territorio è stato violentato presumibilmente dalla malavita organizzata che lo ha utilizzato per lo smaltimento dei rifiuti tossici. Sono stati rinvenuti purtroppo nel nostro territorio depositi di idrocarburi, sostanze altamente tossiche per l’uomo e per l’ambiente, per non parlare della storia dell’Olivo che ancora resta controversa. È evidente alla luce di ciò che la politica ambientale portata avanti da questa amministrazione e dalle amministrazioni precedenti è una politica fallimentare. Apprezziamo le belle parole e le manifestazioni simboliche di questa amministrazione però vorremmo che con la stessa solerzia gli amministratori locali si occupassero realmente dei problemi ambientali iniziando a praticare la raccolta differenziata, predisponendo una isola ecologica onde evitare che i rifiuti ingombranti vengano depositati in aree non idonee, facendo chiarezza sulla situazione dell’Olivo e dei depositi di idrocarburi che sono stati trovati nel nostro territorio in modo che vengano adottate le soluzione più adeguate, perché il silenzio è la strategia meno adeguata per giungere alla bonifica del territorio.

Commenti