Aiello. Il 29 aprile, slittando di una settimana, l'inizio del novenario per San Geniale 2011

AIELLO CALABRO – Inizia domani, 29 aprile, slittando di una settimana per la beatificazione di Giovanni Paolo II, il novenario per la solennità del patrono cittadino San Geniale Martire. Dunque, anziché la prima domenica di maggio, questa edizione 2011 si terrà domenica 8. Si rinnova così, come ogni anno, dal 1668, la devozione della Comunità per il Martire che morì nei primi secoli del Cristianesimo, sotto Diocleziano, a testimonianza della fede.

È oramai risaputa, almeno si spera, la storia che lega Geniale, un giovane di circa 14 anni, ad Aiello. La storia agiografico-leggendaria trasmessa da padre in figlio ad Aiello e che Scipione Solimena riporta nel suo volume del 1902 è quella del martirio di sette fratelli davanti alla loro Madre durante una persecuzione. Le sue Reliquie, come descritto nell’Atto notarile, estratte dalle catacombe romane di S. Lorenzo, furono concesse all’Universitas Aiellese nel 1667 per tramite del Cardinale Alderano Cybo, esponente di spicco della famiglia allora feudataria di Aiello. Il 26 luglio di quell’anno, la “capsula quadrata”, contenente le reliquie e la boccia con il sangue del martire, giunse ad Aiello Calabro e fu portata nella Chiesa del Monastero di Santa Chiara. Il 6 maggio del 1668, il Vicario generale di Tropea, Don Orazio D’Amato, inviato dall’allora vescovo titolare monsignor Luigi De Morales Agostiniano Spagnolo, constatato che i sigilli erano intatti, nomina Geniale patrono della cittadina.
Appena noto, comunicheremo il programma delle iniziative religiose e civili.


Programma (aggiunto il 30 aprile 2011)

Commenti