Discarica a Lago (Cs). Un’opera che danneggerebbe per decenni un territorio già martoriato

di Franco Roppo Valente*
Dalla stampa si apprende la notizia che nel comune di Lago (CS), su decisione inspiegabile dell’amministrazione comunale, è stato approvato un progetto per la realizzazione di una discarica in contrada Terrati (Giani).
Nella stessa area, confinante con il fiume Oliva, è presente un drammatico inquinamento a causa del ritrovamento di centomila metri cubi di fanghi industriali (metalli pesanti e radionuclidi artificiali) capaci di indurre patologie tumorali e non; questo è quello che emerge dalle perizie della Procura di Paola eseguite dopo i rilievi effettuati di recente nella zona medesima.
E se è certa la rilevanza scientifica di studi che hanno dimostrato inoppugnabilmente il legame che esiste tra alcuni tipi di malattie, tumori e malformazioni e la vicinanza a discariche ed impianti di smaltimento dei rifiuti, è tanto più incontestabile il danno che i cittadini della valle dell’Oliva hanno già vissuto e stanno vivendo in modo drammatico per l’illecito smaltimento di sostanze tossiche.
Per questi motivi, la scelta dell’Amministrazione Comunale di Lago, di questi tempi, appare un vero controsenso se si pensa al fatto che diverse comunità, calabresi e non, hanno avviato numerose proteste popolari al fine  di difendere il proprio territorio (Pianopoli, Bucita di Rossano, Terzigno) da discariche che sono solo un palliativo rispetto alla questione della gestione dei rifiuti, creano inquinamento ambientale, deturpano il territorio caratterizzandolo in negativo e non risolvono in modo virtuoso e definitivo il problema.
Come è pensabile che in un comprensorio come il nostro, in cui sono presenti piccoli centri, non si riesca ad avviare una seria gestione dei rifiuti che guardi alla raccolta differenziata porta-a-porta con il fine ultimo di arrivare nel tempo a produrre “Zero Rifiuti”? Come è giustificabile un approccio al problema dello smaltimento dei materiali post consumo perseverando con l’obsoleta e vergognosa pratica dell’interramento di prodotti che, se opportunamente trattati, potrebbero rappresentare una vera e propria fonte di lavoro e risorse economiche concrete per i tanti giovani che ogni giorno lottano contro la disoccupazione? Come è possibile non rendersi conto che l’avvio di una gestione sostenibile dei rifiuti può dare solo vantaggi e ritorni in termini di tutela dell’ambiente e della salute delle persone? Esempi di comuni che hanno scelto di intraprendere un’altra strada sostenibile nella gestione dei rifiuti ve ne sono anche in Campania, regione tristemente famosa per l’emergenza che negli ultimi anni l’ha vista protagonista, ed in Calabria: basti pensare al comune di Saracena che raggiunge circa il 72% di raccolta differenziata. Ai cittadini di Lago e del comprensorio non resta che dissentire da queste scelte ed auto-organizzarsi per tutelarsi in proprio ed impedire la realizzazione di opere che danneggerebbero per decenni il territorio.
                                                                                                    *Coordinamento Forum Ambientalista Calabrese


File immagine aggiunto il 29.01.2011
Ecco dove sarà realizzata la discarica

Commenti

  1. Report commenti da forum comune27 gennaio 2011 15:06

    Elenco risposte

    Autore e data Messaggio
    brunopino66
    27/01/2011 14.24.35 At Fabio - il problema non è il finanziamento che già c'è, né le autorizzazioni acquisite nella conferenza dei servizi, che già ci sono... il problema è se la popolazione del comprensorio questa discarica (naturalmente, dicono, che sarà sicura e che non inquinerà) la vuole. A me sembra, che di discariche ce ne siano già abbastanza abbastanza abbastanza! E sarebbe ora di far partire la raccolta differenziata... ad meliora, bp
    fabio
    27/01/2011 13.37.41 x la discarica c'e gia' il finanziamento di 5 milioni di euro sara vero.????? secondo me la discarica si fara.....
    brunopino66
    27/01/2011 9.52.41 at aiellesecolcuore - La posizione delle Istituzioni di Lago è chiarissima. Si evince dalla delibera n° 91 del 30.09.2009 approvata in Giunta. Peraltro, la gestione della futura discarica dovrebbe dare sollievo anche alle casse comunali. In ogni modo, per saperne di più: http://aiellocalabro.blogspot.com/2011/01/discarica-di-terrati-lago-cs-il.html http://aiellocalabro.blogspot.com/2011/01/discarica-lago-cs-unopera-che.html?utm_source=BP_recent Appena ne sapremo di più, non mancheremo di informare... grazie e a presto, bp
    aiellesecolcuore
    26/01/2011 20.07.54 è un argomento serio senz'altro, al quale deficita una completa informazione e divulgazione. qual è la posizione delle istituzioni di Lago a proposito?
    solare
    26/01/2011 18.47.02 Il tuo "richiamo" è utile ma per quanto mi riguarda non ho alcun dubbio a dire un forte NO a quella che poi sarebbe "la discarica anche di Aiello".Percio:2 volte NO.
    brunopino66
    26/01/2011 17.48.09 annoto, con preoccupazione, che gli argomenti seri che riguardano la nostra salute non vi interessano granché... forza dite la vostra. lo scrivente, naturalmente, è contrario alla discarica.

    RispondiElimina

Posta un commento

Salve. Grazie per il commento.
Il curatore del Blog fa presente che non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori. I commenti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o contenenti dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy, verranno cancellati.