Valle Oliva. AdP rinnova l’invito al Sindaco Iacucci di costituirsi parte civile e adoperarsi per la bonifica

Riceviamo e pubblichiamo

AIELLO CALABRO – Le analisi condotte dall’Arpacal confermano la presenza di idrocarburi e altri rifiuti tossici nella vallata dell’Oliva. Questa la notizia degli ultimi giorni, che desta la preoccupazione delle comunità che circondano il letto del fiume. Accanto ai dati incontrovertibili forniti dall’Agenzia Regionale, il silenzio assordante dell’amministrazione locale.  Più volte il nostro gruppo si è posto a sostegno delle indagini per arrivare alla verità dei fatti con lo scopo di porci a tutela della salute dei cittadini, mentre invece, dall’altra parte l’atteggiamento era quello di sminuire una situazione che invece si è rilevata estremamente grave. Un atteggiamento quello dell’amministrazione locale che più volte abbiamo stigmatizzato. Ricordiamo che nel mese di luglio scorso il gruppo di alleanza di Progresso per Aiello, si è fatto promotore di un convegno sul dissesto idrogeologico e l’inquinamento ambientale del nostro territorio, al quale ha partecipato anche l’assessore regionale all’ambiente. In quell’occasione, proprio perché i carotaggi effettuati facevano già presupporre un disastro ambientale di enormi proporzioni, il capogruppo consiliare di ADP aveva chiesto al Sindaco Iacucci di costituirsi parte civile e di  fare fronte comune  con tutte le forze politiche e non presenti sul territorio perché si dia corso alla bonifica. La risposta del Sindaco, che tentava ancora una volta di sminuire la gravità del problema, fu che non esistevano  i presupposti per costituirsi parte civile, che bisognava aspettare i risultati delle analisi e che probabilmente seppellito nel letto del fiume Oliva c’era solo cemento. Oggi, che le analisi hanno confermato ciò che era già evidente qualche mese fa, ADP rinnova l’invito al Sindaco Iacucci di costituirsi parte civile e adoperarsi per la bonifica. È un atto doveroso verso quanti vivono in queste contrade, soprattutto verso la salute dei  nostri figli, che hanno il sacrosanto diritto di vivere in un ambiente salubre a misura d’uomo, ora non ci sono più scuse né cavilli per tergiversare e perdere tempo prezioso. Al procuratore Bruno Giordano va tutta la nostra stima e ammirazione per il coraggio e la determinazione con cui ha portato avanti le indagini in questi mesi.
Gruppo Consiliare
Alleanza di Progresso per Aiello

Commenti

  1. Oliva. Bruno (API) interroga la Prestigiacomo17 novembre 2010 09:29

    (ASCA) - Cosenza, 16 nov - ''L'area ricadente tra i comuni di Amantea, Serra d'Aiello e Aiello Calabro, lungo l'alveo del fiume Oliva, gia' durante l'estate 2009 era stata oggetto di analisi, perche' sembrerebbe che in questa zona della Calabria l'incidenza tumorale, evidenziata da alcune ricerche epidemiologiche, sia molto piu' alta che altrove. L'inchiesta della procura di Paola era partita proprio in seguito a questa strana casistica tumorale. I risultati delle ispezioni dell'Arpacal, consegnati da poco al procuratore Bruno Giordano, sembrerebbero confermare le preoccupazioni registrate. I 91 carotaggi effettuati per otto chilometri lungo il percorso del fiume hanno rilevato fanghi industriali e idrocarburi''. Lo afferma Franco Bruno di Alleanza per l'Italia che ha reso noto di aver rivolto un'interrogazione parlamentare al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare. ''Il senatore di ApI, - informa una nota - da sempre attento ai problemi ambientali, ha infatti chiesto di far luce su un altro fattore inquietante. Pare, infatti, che alcuni carotaggi abbiano rilevato valori alti di radioattivita'''. Per cui Bruno chiede se il Ministro ''possieda gia' i risultati delle analisi effettuate da parte delle Agenzie incaricate di analizzare i campioni per la presenza di sostanze radioattive, ed in caso negativo quando i dati richiesti verranno forniti''. Bruno chiede ''come si intenda procedere per favorire, eventualmente, la ricerca dei responsabili dell'inquinamento della valle del fiume Oliva che hanno arrecato danni non solo all'ambiente e al territorio circostante ma anche agli abitanti e se, e in che modalita', si stia pensando ad un progetto di bonifica che potrebbe essere necessario con urgenza''.

    RispondiElimina

Posta un commento

Salve. Grazie per il commento.
Il curatore del Blog fa presente che non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori. I commenti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o contenenti dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy, verranno cancellati.