Valle Oliva. Il Comitato “De Grazia”: “Fare quadrato per ottenere da subito la bonifica”. Gli attivisti chiedono la massima attenzione alle istituzioni per tutelare la salute dei cittadini

COMUNICATO STAMPA
AMANTEA, 27 ottobre 2010 – “I primi dati che arrivano dall’Arpacal confermano, purtroppo, le nostre preoccupazioni sul livello di contaminazioni da sostanze tossico-nocive dei territori dell’hinterland amanteano e sulle conseguenze che hanno avuto e potranno avere sulla stessa salute delle popolazioni”. Così il Comitato civico “Natale De Grazia”, che da anni si batte per conoscere la verità su quanto avvenuto nella vallata dell’Oliva, commenta la notizia del rinvenimento, ad opera del personale specializzato dell’Arpacal, nell’area del fiume di arsenico, fanghi prodotti da impianti industriali e probabilmente rifiuti derivanti da raffinerie. “Quanto riscontrato nell’Oliva – denunciano gli attivisti del Comitato – dimostra che persone, senza alcun amore per il proprio territorio e per chi vi abita, abbiano avvelenato coscientemente quest’area per ottenere, esclusivamente, personalissimi ritorni economici. Un comportamento criminale che sarà valutato giustamente dalla procura della Repubblica di Paola che finora ha dimostrato con i fatti il suo alto livello di professionalità”. Per il “De Grazia” ora si impone “da subito la necessità di intervenire tempestivamente sui luoghi per delimitare i danni già provocati dalla contaminazione delle acque e dei terreni della vallata”. Da qui l’appello degli attivisti. “Occorre – sostengono – che ognuno, per le proprie competenze, dimostri con i fatti di voler proteggere la salute di quanti vivono in Calabria attivandosi per predisporre la bonifica dei terreni e delle acque contaminate. Per fare questo è necessario che la società civile (composta da cittadini semplici ed associati) assieme alle istituzioni tutte facciano quadrato per tutelare la salubrità dei luoghi violentati da speculatori senza scrupoli e la qualità della vita di quanti vivono in questa martoriata terra”. Infine l’invito specifico ai comuni interessati dalla vicenda dell’avvelenamento dell’Oliva. “Lanciamo un appello – concludono gli attivisti del “De Grazia” – a tutte le amministrazioni pubbliche locali che hanno vissuto e continueranno a vivere sulla propria pelle questa emergenza ambientale affinché si schierino a viso aperto e senza remore contro quest’avvelenamento dei nostri territori costituendosi, immediatamente, parte civile nel procedimento penale in corso presso la procura di Paola. Ma soprattutto muovendosi all’unisono per chiedere con forza tutti gli adempimenti necessari a ripristinare lo stato naturale dei luoghi contaminati e garantire così la salute di tutte le popolazioni potenzialmente vittime di questo sopruso”.

Commenti

  1. TEST MINERALOGRAMMA NECESSARIO27 ottobre 2010 17:30

    e allora? questo test del mineralogramma (http://www.bioenergyresearch.com/ita/mineralogramma.htm; http://www.mineralogramma.org/) lo facciamo? ... anche se è molto difficile reperire notizie se e dove si esegue in Calabria.
    E' stato fatto solo in una occasione, per Crotone, dall'Unical... ma ora dicono che non si fa routinariamente. C'è qualcheduno che ne sa qualcosa? Abbiamo chiesto a qualche laboratorio di analisi ma alla domanda se eseguono il test dicono: "eh!?".

    Intanto, ecco un brano tratto da una seduta del Senato della Repubblica - 12ª Commissione 2º Res. Sten. (14 gennaio 2009). A parlare è la senatrice Bianchi (Pd).
    "Poiche´ esiste una metodica per indagare sullo stato di salute delle persone, cioe` il test del mineralogramma, che in questa occasione poteva essere effettuato sui bambini o su persone di una certa fascia di eta`, vorrei chiedere se l’assessore Greco e` a conoscenza di un’operazione del genere. Mi spiace che oggi non sia presente il dottor Francesco Rocca, che in qualita` di direttore del Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria provinciale di Crotone avrebbe potuto aiutarci a comprendere meglio cio` che e` stato fatto in questo periodo e riferire sull’esistenza di notizie utilizzabili per dimostrare l’evidenza del danno subito dagli abitanti di Crotone".

    RispondiElimina

Posta un commento

Salve. Grazie per il commento.
Il curatore del Blog fa presente che non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori. I commenti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o contenenti dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy, verranno cancellati.