Serra D'Aiello. Il 10 e l'11 maggio, dal 1786, si rinnova la devozione alla Madonna dei Grilli

SERRA D’AIELLO – Il 10 e l’11 maggio, la Comunità Serrese celebra i festeggiamenti in onore della Madonna Addolorata, conosciuta anche come “Madonna dei Grilli”.
L’appuntamento si ripete oramai dal 1785, anno in cui, secondo la tradizione, avvenne un miracolo compiuto dalla Madonna. In quel tempo, le campagne di Serra e della Marina, dove oggi sorge Campora San Giovanni, furono invase da cavallette che avrebbero danneggiato seriamente il raccolto di tanta gente. Il popolo allora – tramandano i racconti popolari - ricorse alla Madonna che fu portata in processione per le campagne insieme a San Martino. Al passare della Santa Vergine le cavallette perirono e quell’anno il raccolto del grano fu abbondantissimo. Dall’anno successivo, ovvero dal 1786, ogni 10 e 11 maggio i Serresi rinnovano i voti di fede verso la Madonna.
Programma religioso e civile. Lunedì 10 Maggio, funzioni religiose alle  10 e alle 18, in quest’ultima avverrà la “Calata” della Statua della Vergine che lungo una gradinata dall’altare maggiore scende verso il Popolo. A seguire, fiaccolata per le vie del paese accompagnata dalla Banda Musicale “Città di Serra D’Aiello”. Per martedì 11, previste per le 9 e le 16 (con Calata) le Sante Messe; poi Solenne Processione per le vie del paese accompagnata dalla Banda Musicale cittadina e il volo dei tradizionali “Palloni aerostatici”.
Per il programma civile, lunedì alle 15 “Giochi popolari” e alle 22 “karaoke”; mentre per martedì 11, alle 22 è in calendario il concerto dei “Beat Regeneration”, e quindi il tradizionale ballo sulle note della tarantella del “ciuccio”, costruito con canne, carta velina e petardi. Sul finale, estrazione della riffa con premi a sorpresa.

Commenti