Lago si mobilita per dire no alla privatizzazione dell'acqua. Raccolte centinaia di firme

LAGO – Anche nella Comunità di Lago l’appello per la ripubblicizzazione dell’acqua ha sortito un buon risultato. Nella sola mattinata di domenica scorsa – ma l'attività è proseguita pure nelle ore pomeridiane – sono state raccolte un centinaio di firme. Il banchetto, allestito nel centro storico, è stato animato dal comitato referendario cittadino che fa capo alla Cgil territoriale.
Per tutta la mattina di domenica e poi nel pomeriggio, dunque, tanti sono stati i laghitani che hanno voluto confermare il consenso alla campagna referendaria promossa dal Forum italiano dei movimenti per l'acqua, per chiedere l'abrogazione della normativa che prevede la privatizzazione dell'acqua (D.Lgs. 152/2006). Lo scopo è quello di restituire un bene essenziale come l’acqua alla gestione collettiva.
La raccolta di firme, ricordiamo, è iniziata in tutta Italia il 24 aprile scorso e andrà avanti sino alla prima settimana di luglio.

Commenti