La Società Messina querela per diffamazione il giornalista Francesco Cirillo per gli articoli sulla Jolly rosso




Riceviamo e diffondiamo


Comunicato stampa
Il boss Muto fa scuola ed ecco arrivare una querela per diffamazione da parte della Messina a nome di Paolo Messina per violazione art.595 e 596 bis del CP ed art.13 L.47/48 . Gli articoli che hanno dato fastidio alla Messina sono quelli scritti per il settimanale Mezzoeuro e pubblicati sul sito www.sciroccorosso.org
Francesco Cirillo ha nominato come difensori gli avvocati Natalia Branda del foro di Diamante e  Marcello Nardi e Rodolfo Ambrosio della Legambiente del foro di Cosenza. "E' un processo che farò davvero con piacere. - ha dichiarato Francesco Cirillo-  Finalmente potremo interrogare questi personaggi che hanno distrutto la nostra Calabria con il traffico delle loro navi e con la Jolly Rosso in particolare, chiedendo loro dove sta la diffamazione nel riferire fatti e circostanze che sono allo studio della magistratura paolana  e riportati da tutta la stampa nazionale e regionale, che a questo punto si vedrà querelare in blocco dalla Messina". 
"Quello che sta succedendo in Calabria- continua Cirillo- e nel mare tirreno è di una gravità inaudita. A sentirsi diffamata è la Regione intera, una cittadinanza intera che sta soffrendo per le morti di tumore provocati dal carico di questa maledetta nave. Credo che tutti gli avvocati della Calabria si debbano costituire in questo processo, così come la regione, la provincia i singoli comuni, diffamati e calunniati, per colpa di criminali senza scrupoli che hanno fatto della nostra regione terra bruciata per i loro loschi traffici. Ringrazio Messina e soci per l'opportunità che mi da di guardarci negli occhi e di rendere pubblico tutta la vicenda della nave dei veleni". 

Commenti