Scegliamo l'inno della Calabria. Al gioco-sondaggio de Il Quotidiano votiamo per "Funtana funtanella"

AIELLO CALABRO – Nel nuovo gioco-sondaggio de Il Quotidiano della Calabria si chiede di votare l’inno della Calabria. Nella griglia di partenza compaiono: canzoni di Rino Gaetano, Mia Martini, Calavrisella mia, Rusina mia ecc. C’è, come di consueto, la possibilità di fare una scelta diversa. Il Blog di Aiello Calabro e dintorni fa una proposta, naturalmente, di campanile. E vi invita a votare la canzone “Funtana Funtanella”, scritta nei primi anni ‘30 da Luigi Vocaturo e musicata da Adolfo Civitelli. La canzone, per chi vuole ascoltarla, è disponibile su internet a questo indirizzo (www.myspace.com/genuzzogiardino), cantata da Eugenio Giardino, aiellese doc che vive in Liguria.

Per votare cliccate QUI.

***

Ecco, di seguito, il testo ella canzone.

***

I

‘Un c’ije cchiu bella cosa ‘e sta funtana

Cchi prejulizzu si ce si bicinu,

Appuzza ‘u varrile, abbazate ‘a suttana

Cà a nu mumentu ti lu vidi chijnu.

Ritornello

Funtana funtanella

Curra cumu vue tu

Ca st’acqua frisca e bella

Passe e nun torne cchijù.

II

Vìenicce a piglià l’acqua ogni mumentu

Quantu me prieju de sta faccia bella

Cridime ca nun sacciu cchi me sientu

Quandu te viu azare a cucumella.

Rit.

III

Sta funtanella ‘mbite assai ad amare

Chè llu ristoru de’ li ‘nnammurati

Vanu e venenu tutte le quatrare

U d’hannu cchi ce fare mamme e patri.

Rit.

IV

Nu juornu jiendu a caccia a caccìare

A ruozzulare piertiche siccate

D’ogne manera l’acqua accumpagnava

La musica de chille perticate.

Rit.

V

L’erbuzza di valluni va a siccare

E l’acqua d’intra li ticini vue jire

Io nun me stancu mai de ce turnare

‘Ncavallu a nu cavallu de pensieri.

Rit.

VI

Mammata ‘u mme pue videre, lu sai,

Atru rimedio ‘un c’ie ca de venire

A sta funtana nun me stancu mai

De te guardare ca me fai morire.

Rit.

VII

Cumu ere bella l’acqua da muntagna

A chilla pucchiarella de Carinu

U cannaruozzu mio ‘u facie tantu

E sagliere un putie nu gradinu

Rit.

VIII

Cumu ere bella la funtana antica

Ch’ere llu spassu de li ‘nnammurati

Mue c’hanu fattu sta funtana nova

Nun se pue ddire mancu ‘na parola.

Rit.

Commenti

  1. Al seguente link, un video di Suo sicuro interesse:


    http://www.youtube.com/watch?v=Gi6gOOL9lDw


    titolo: Loiero e il mare (sporco) di Calabria


    Con preghiera di massima diffusione. Grazie


    Raf Derose

    RispondiElimina

Posta un commento

Salve. Grazie per il commento.
Il curatore del Blog fa presente che non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori. I commenti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o contenenti dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy, verranno cancellati.