Accesso alla documentazione amministrativa. Una lettera di AdP al sindaco di Aiello Calabro

Dal Gruppo consiliare di Alleanza di Progresso per Aiello riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera integrale al sindaco Iacucci, relativa alla richiesta di accesso alla documentazione amministrativa.

***


Al Sig. Sindaco del
Comune di Aiello Calabro
SEDE

Al Segretario del
Comune di Aiello Calabro
SEDE


OGGETTO: Specificazioni e chiarimenti su precedente richiesta di accesso a documenti amministrativi.

Noi sottoscritti Sig.ri Bruni Michele, Bossio Fenice, Naccarato Liliana e Lepore Luca, quali membri del gruppo consiliare di minoranza di codesto Comune denominato “Alleanza di Progresso per Aiello”, con la presente, in relazione alla precedente richiesta di accesso a documenti amministrativi assunta al protocollo comunale al n° 002648 del 3 luglio 2009, ed alla Vs missiva di riscontro del 3 agosto 2009 (prot. 2648/II/1), intendiamo specificare, puntualizzare e richiedere quanto segue.
Innanzitutto, con riferimento ai documenti di cui è stata rilasciata copia (statuto del Comune e regolamento sul funzionamento del consiglio comunale), precisiamo che il rilascio di detta documentazione non è esaustivo, in quanto agli scriventi necessita avere copia di tutti i regolamenti che nel tempo sono stati approvati da codesto Comune (regolamento edilizio, regolamento per l’accesso ai documenti amministrativi ecc…). Detta richiesta si rende necessaria in quanto l’accesso ai regolamenti comunali costituisce, oltre che un inviolabile diritto dei gruppi consiliari e dei singoli consiglieri, anche un irrinunciabile strumento per esercitare a pieno il mandato rappresentativo che i cittadini di Aiello hanno assegnato a ciascun consigliere.
Pertanto, con la presente, gli scriventi chiedono di avere copia di tutti i regolamenti comunali approvati ed attualmente vigenti.
Con riferimento, invece, alla richiesta di piante organiche di LSU, LPU e dipendenti comunali, la risposta fornita non è soddisfacente. A tal proposito, è nostra intenzione puntualizzare che degli LSU ed LPU non sono specificate le mansioni svolte da ciascuno, specificazione che si rende necessaria al fine di verificare se l’impiego di detto personale è improntato a criteri di economia, efficienza ed efficacia, canoni cui l’azione della pubblica amministrazione deve improntarsi in base al chiaro dettato normativo dell’art. 97 della Costituzione.
In relazione, invece, ai dipendenti Comunali, noi sottoscritti intendiamo avere notizia circa l’esistenza di una pianta organica regolarmente approvata, indicante - in via generale ed astratta - i singoli inquadramenti dei dipendenti, con mansioni e livelli retributivi. Intendiamo, altresì, conoscere, eventuali avanzamenti in carriera e/o progressioni verticali (eventualmente attributi anche nella precedente consiliatura) e riconoscimenti di gratifiche riconosciute ai dipendenti comunali.
In riferimento alla richiesta di accesso al contratto regolante il servizio di mensa scolastica, prendiamo atto che esiste un contratto (n° 20) che è stato regolarmente registrato. Tuttavia, insistiamo nella richiesta di rilascio di copia, considerato che la registrazione dell’atto non preclude e/o limita il diritto di accesso al medesimo documento da parte dei consiglieri comunali, trattandosi di atto attinente alla gestione amministrativa di un servizio pubblico di particolare rilevanza sociale. Contestualmente, chiediamo di avere copia degli atti di evidenza pubblica adottati per la scelta del contraente, al fine di valutare i criteri di aggiudicazione del servizio.
In relazione alle consulenze, intendiamo precisare che la richiesta si riferiva sia alle consulenze attuali sia a quelle in essere nella predente consiliatura. Di tutte le eventuali consulenze intendiamo avere copia delle singole convenzioni.
Precisiamo, inoltre, che intendiamo avere un elenco dettagliato del contenzioso allo stato esistente con il Comune, nonché l’elenco delle cause che sono state definite con sentenza (definitiva o meno) e/o con accordi transattivi, a decorrere dall’inizio della scorsa consiliatura.
Intendiamo conoscere, altresì, le somme sborsate dal comune per eventuali condanne, accordi transattivi, onorari dei Legali di fiducia del Comune e dei Legali di fiducia delle controparti. Ciò, al fine di valutare la consistenza delle spese, l’opportunità delle azioni legali ed il rispetto del principio di economicità dell’azione amministrativa.
In relazione alla richiesta di accesso ai ruoli della tassa di nettezza urbana - dopo aver preso atto che per richiedere la specificazione degli anni per i quali vi era interesse all’accesso è decorso il lungo lasso di tempo di trenta giorni dalla nostra domanda - precisiamo che gli anni di cui si chiede copia dei ruoli, non essendo sufficiente prenderne semplicemente visione, sono il 2008 e 2009. Precisiamo, inoltre, che intendiamo avere copia anche dei ruoli relativi alla distribuzione idrica per gli anni 2008 e 2009.
Per quanto concerne gli elenchi di imprese, fornitori ed artigiani, preso atto della inesistenza di elenchi, chiediamo di conoscere se quantomeno esistono criteri predeterminati per il conferimento degli incarichi e per l’effettuazione di acquisti.
Infine, in relazione alla richiesta di concessione della sala consiliare per il gruppo “Alleanza di Progresso per Aiello”, dobbiamo rilevare il contenuto arbitrario ed illegittimo della Sua risposta, nella parte in cui si specifica che gli spazi non saranno concessi per “… scopi di carattere organizzativo e/o discussioni interne relative a movimenti e/o partiti politici, non riconducibili a manifestazioni pubbliche”.
Detta risposta mortifica la democrazia, considerato che un gruppo consiliare necessita di spazi per svolgere la propria attività politica e si pone in contrasto evidente con l’art. 15, V comma, dello Statuto comunale, a mente del quale i gruppi consiliari “… hanno diritto a riunirsi in un locale comunale messo a disposizione dal sindaco”.
E’ inutile dirLe che ove continuerà a sostenere l’argomentazione posta a fondamento del diniego di concessione di locali comunali, sottoporremo la vicenda alla valutazione del Prefetto e delle competenti Autorità giudiziarie.



Aiello Calabro, lì 12/08/2009


I consiglieri comunali
Bruni
Bossio
Naccarato
Lepore

Commenti