Il dopo voto ad Aiello. Tra entusiasmi e denunce

Riceviamo e pubblichiamo - Comunicato stampa di Alleanza di Progresso per Aiello

AIELLO CALABRO – Esprimiamo solidarietà nei confronti del nostro candidato a Sindaco Michele Bruni, per gli atti di vandalismo subiti nella giornata di ieri da parte di alcuni facinorosi che hanno preso parte alla sfilata della lista Uniti per Aiello collegata al Sindaco Franco Iacucci. Quella che doveva essere una sfilata per festeggiare la vittoria della lista a noi avversaria si è trasformata in una spedizione punitiva verso chi condivide idee diverse dalle loro, attentando gravemente ai principi di democrazia. Il paese è spaccato in due. La coalizione avversaria ha vinto per pochi punti ed episodi come quello accaduto nella giornata di ieri non fanno altro che accentuare le spaccature già esistenti in paese. Ripercorriamo per sommi capi quanto successo. L’abitazione del nostro capo lista, approfittando della sua assenza e di quella dei suoi familiari, è stata assediata dalle auto che formavano il corteo della sfilata. Alcuni partecipanti hanno violato il domicilio del sig. Bruni compiendo atti di oltraggio alla persona che comprendono l’affissione di manifesti riportanti il nome del candidato Franco Iacucci e il simbolo della loro coalizione su un autocarro sostato nella proprietà medesima e alle finestre. Lo spazio antistante l’abitazione sempre di proprietà dello stesso Bruni è stato cosparso di manifesti e fac simili della lista avversaria riportanti il nome di Franco Iacucci e di pigne (simbolo della nostra coalizione) così come il porticato. Altri faziosi partecipanti si sono arrampicati sui balconi dell’abitazione posti a quasi tre metri di altezza per cospargerli di pigne, manifesti e fac simili e biglietti con scritte offensive del tipo “chi ha votato la pigna fa schifo” e “il leone uccide la pigna” ecc. Persino un recinto all’interno del quale risiede un cane è stato cosparso di pigne e fac simili. Come se non bastasse nelle vicinanze dell’autocarro è stata esplosa una batteria di fuochi pirici. Sono gesti che vanno al di là di ogni senso di civiltà e che mettono in rilievo lo scarso livello socio culturale raggiunto da queste persone. È triste nel 2009 assistere ad episodi che non accadevano nemmeno nel medioevo. Prendiamo le distanze a condanniamo fortemente questi atti, che si vedono compiere nel solo comune di Aiello Calabro, che hanno come scopo soltanto quello di creare ulteriori tensioni. Si porta a conoscenza che la famiglia Bruni ha provveduto a sporgere regolare denuncia presso la locale stazione dei Carabinieri per i danni subiti, più morali che economici, considerato che una vicenda analoga si è ripetuta nella notte tra l’otto e nove u.s.. Concludiamo esprimendo solidarietà anche nei confronti di tutti quei simpatizzanti che hanno vissuto anche se in misura minore episodi analoghi, per i quali gli avversari hanno dimostrato di non avere rispetto alcuno. Infine invitiamo il neo sindaco Iacucci a cercare di unire il paese anzicchè dividerlo iniziando a prendere le distanze da questi atti. Dal nostro canto ci impegniamo a fare un’opposizione costruttiva, ma senza fare sconti a nessuno. Ci auguriamo che episodi del genere non si verifichino più.

Commenti