Polemiche sul Referendum, risponde la Commissione

Continuano a tenere banco le discussioni sul referendum popolare, indetto dalla commissione consiliare preposta, per intitolare lo stadio cittadino ad un personaggio aiellese.
Questa volta, ad intervenire, è la stessa commissione che risponde alle polemiche dei giorni scorsi, sorte dopo che si è venuti a conoscenza dell’esistenza di una delibera Consiliare del 1981 che già intitolava il campo sportivo alla memoria di Ciccio Russo.
«La scelta della consultazione popolare – è scritto in una nota stampa a firma dell’organo consiliare, composto da due membri di maggioranza ed uno di opposizione - è nata nello scorso mese di aprile quando, ultimati i lavori di adeguamento dello stadio, in Consiglio Comunale è stata presentata la pratica relativa all'intitolazione del rinnovato impianto sportivo. A quella data – spiegano gli estensori del documento -, nessuno in Consiglio era a conoscenza dell’esistenza della delibera del 1981, tanto che, in paese, nessuno ha mai avanzato obiezioni sulla scelta che è stata adottata. Solo successivamente, quando cioè il referendum era già stato indetto, dall’esterno e per canali riservati, sono cominciate a circolare notizie sull’esistenza dell’ormai famosa delibera, notizie che sono diventate di patrimonio comune solo in questi ultimi giorni. I dubbi sull’esistenza della delibera – aggiungono - erano del tutto legittimi visto che l’atto del Consiglio non è mai stato reso esecutivo tanto che la Società Sportiva (la SS. Aiello Calabro, nda) ha sempre ufficialmente comunicato alla Lega che il nome del nostro stadio è ‘Campo Sportivo Macchia’».
«Alla luce di quanto sopra specificato – fa sapere la Commissione consiliare - appare evidente a tutti che, paradossalmente, la scelta di indire il referendum popolare è stata una circostanza fortunata atteso che l’alternativa sarebbe stata quella di deliberare l’intitolazione dello stadio già nel corso del Consiglio Comunale di aprile. Oggi, invece, alla luce del risultato referendario e della presenza delle precedenti deliberazioni, siamo certi che il Consiglio saprà assumere una decisione ponderata sulla base di elementi concreti».
Registrate le specifiche della Commissione, non resta che attendere la data del 30 settembre prossimo, quando si svolgerà la seconda tornata di consultazioni. Ricordiamo che in mattinata sarà funzionante un seggio anche nel centro storico; mentre nel pomeriggio sarà possibile votare presso il campo sportivo di Macchia, durante la partita Aiello Vs Rende.

Commenti