Problema acqua a Macchia e rete elettrica ad Alzinetta. Due interrogazioni di AdP

Giovedì 21 giugno, che è il primo giorno d’estate, il comune effettuerà la gara d’appalto per la realizzazione di alcuni acquedotti rurali e di parte delle rete idrica. I lavori, il cui importo totale è di 100 mila euro, serviranno finalmente a regolarizzare la distribuzione idrica in alcune delle zone che in passato hanno subìto numerosi disservizi. Come per esempio la frazione di Macchia che a fine maggio scorso è rimasta senza acqua per molti giorni a causa di una rete di distribuzione vecchia e malfunzionante.
Sulla annosa questione è intervenuta con una nota stampa Alleanza di Progresso per Aiello che ha imputato la causa di questa situazione ad alcune scelte sbagliate fatte in passato. Ovvero, al fatto che nel 1992 la gestione del servizio idrico è stata affidata dall’Amministrazione comunale di allora alla Società Italgas Sud, oggi Acque Potabili, sottoscrivendo un contratto nel quale si prevedeva che la responsabilità della rete rimanesse a carico del Comune.
«Non vogliamo entrare nel merito di quel contratto che, di fatto, ha privatizzato la gestione di un bene pubblico quale è l’acqua – scrive il gruppo di Opposizione consiliare - anche perché speriamo che, superate le recenti eccezioni avanzate dalla Corte dei Conti, l’adesione alla “Cosenza Acque”, Società a prevalente capitale pubblico, possa servire a ripristinare una situazione di normalità».
Sui prossimi lavori che serviranno a migliorare il servizio idrico, AdP in una sua interrogazione al sindaco ha pure chiesto, in considerazione dei grossi disagi che vive la popolazione di Macchia, che venga data priorità assoluta agli interventi sulla rete idrica di quella frazione.
Interrogazione su Alzinetta. Ad Alzinetta, una piccola frazione della cittadina, c’è uno stato precario dei pali di supporto alla rete elettrica. A segnalarlo in una interrogazione inviata al primo cittadino Perri è il gruppo consiliare di Alleanza di Progresso per Aiello.
«È evidente – scrivono nella lettera - il rischio che questa situazione comporta dal momento che l’eventuale cedimento anche di un solo palo oltre a rappresentare una minaccia reale per l’incolumità delle persone comporterebbe il distacco dell’energia elettrica per l’intera zona».
Nella stessa lettera, AdP chiede che, constata la situazione, il comune si adoperi per quanto di sua competenza per risolvere il problema. Inoltre, si chiede pure che «ad Alzinetta sia ripristinata la segnaletica con il nome della frazione oltre che per salvaguardare il decoro, anche per non creare problemi a eventuali visitatori o anche agli stessi addetti del servizio postale».

Commenti