S. Francesco di Paola ad Aiello



AIELLO CALABRO - In un inventario di metà ‘700 del Regio Tavolario Schioppa, di opere d’arte rappresentanti S. Francesco di Paola conservate nelle chiese aiellesi, se ne contano diverse.
Nell’Apprezzo Schioppa - come riporta lo storico Rocco Liberti in alcuni numeri recenti della rivista Storicittà edita a Lametia Terme - nella chiesa di Santa Maria Maggiore erano custoditi: un quadro nella cappella di juspatronato della famiglia Manetta della Madonna del Carmine con S. Caterina e S. Francesco di Paola, e un altro dipinto nella Cappella dei Giannuzzi dedicato al santo taumaturgo di cui ricorre quest’anno il quinto centenario della morte avvenuta il 2 aprile 1507. Nella chiesa di S. Giuliano si conservava un quadro dell’Addolorata con S. Giuliano e S. Francesco. In un’altra cappella ora distrutta, quella di S. Giuseppe sita nell’omonimo largo, era custodito un quadro della Beata Vergine ed i Santi Giuseppe e Francesco di Paola.
Oltre alle opere d’arte citate, di cui oggi non rimane nessuna traccia, nel centro dell’abitato, c’era e c’è tuttora, nell’omonimo spiazzo, la cappella devozionale dedicata a San Francesco di Paola, il santo calabrese “onnipresente – fa notare Liberti – in quasi tutti gli spazi sacri di Aiello”. La chiesetta venne costruita nel 1718 per volere della famiglia Giannuzzi. Di recente, dopo il rifacimento del tetto da parte del comune, ha ospitato un presepe artistico realizzato dall’artista Francesco Magli. Ma l’artista aiellese che vive e lavora a Milano, vorrebbe che l’esperienza continuasse anche quest’anno con una maggiore partecipazione di giovani. L’appello che lancia Francesco di Aiello all’attuale amministrazione comunale – anche per commemorare in modo adeguato e concreto la figura di san Francesco - è quello di valutare positivamente e presto la possibilità di ristrutturare la chiesetta (i fondi necessari non sarebbero esorbitanti), e di adibirla a centro di documentazione sul santo di Paola ed anche a laboratorio artigiano (lavorazione della creta per esempio) destinato ai giovani del luogo.

Commenti