Ajello, com'era e com'è, nelle foto del prof. Rocco Liberti, autore di due volumi sulla storia del paese


Aiello (all'attenzione di Bruno Pino: indicare di quali porte esattamente si tratti)
Il prof. Rocco Liberti, autore di due fortunati volumi sulla storia di Ajello ("Ajello Calabro. Note storiche" del 1969, e "Storia dello Stato di Aiello Calabro in Calabria" del 1978), ha postato una serie di foto su Fb, scattate da lui tra il 1964-65, periodo in cui insegna nel nostro paese. Tra questi scatti, due porte con arco in pietra lavorata che non avevo mai visto in vita mia. E che ora, credo non siano più esistenti. Una in particolare - nell'immagine sotto, affiancata a quella che l'ha sostituita - mi ha molto incuriosito. Sia il prof. Liberti, che Maurizio Rossi, aiellese che ha passato l'infanzia ad Aiello e che ora vive in Liguria, se la ricordavano come porta di accesso, da corso Umberto per il rione Valle. E' evidente a tutti che a primo sguardo le due porte non corrispondono: la prima con pietra lavorata, con un volto posto al vertice dell'arco; l'altra invece di pietra tufacea liscia. I casi sono due: o che la foto non ritrae la porta che portava a valle, e che quindi sia Liberti che Rossi si siano sbagliati; oppure... Ebbene sì, quello che potrebbe sembrare un mistero, in realtà è forse spiegabile osservando attentamente l'immagine delle porte affiancate. La vinella sembra essere la stessa, e la porta potrebbe essere stata ricostruita più in avanti, magari in occasione di un intervento edilizio sul palazzo soprastante. Come potrete notare, le frecce indicano una finestrella, molto vicina all'arco, e che ora - se è la stessa - si trova più arretrata, sutta a vota. 
Questa è la soluzione che abbiamo immaginato. Dite la vostra....
A fondo pagina, il link alle foto di Aiello postate dal prof. Liberti che ringraziamo per averle condivise con la comunità.
GALLERIA FOTOGRAFICA
diversi commenti qui:
https://www.facebook.com/brunopino66/posts/10209002480849066?hc_location=ufi
e qui: https://www.facebook.com/groups/blog.aiellocalabro/permalink/10153180589271249/ù

Bene, dopo tanti e interessanti commenti - non qui sul blog, ma su facebook (purtroppo, i più preferiscono dire la propria sul social, senza spostarsi... ma basterebbe un click) - siamo giunti ad una soluzione. Le due porte si trovano a Tortora (Cs). Vi rimando ai commenti, per leggere gli interventi, i ragionamenti, le confutazioni. Grazie al prof. Liberti per aver condiviso le foto con la comunità aiellese, e per averci solleticato a parlare del nostro patrimonio storico e culturale. Grazie a chi ci ha letto.

Commenti